Prevenzione

E’ corretto e doveroso per qualunque operatore della sanità lavorare affinchè i suoi pazienti si mantengano sani.

La prevenzione è indispensabile per evitare o ridurre la comparsa delle malattie.

  1. PREVENZIONE PEDODONTICA

La carie, sia nei denti decidui che nei definitivi, può avere molteplici cause: abitudini di vita e alimentari scorrette, scarsa igiene, fattori ereditari, qualità e quantità salivare, malposizioni dentarie ed eventuali stati patologici.

Determinante nella formazione della carie è l’alimentazione: un tipo di alimentazione troppo raffinata (come il pane morbido e le merendine) non stimola sufficientemente la masticazione nè la secrezione salivare ed è spesso troppo ricca di carboidrati che, provocando il processo di acidificazione, facilitano l’insorgenza della carie.

E’ indispensabile avere prudenza anche con l’uso del biberon, che se riempito di liquidi ad alto contenuto zuccherino, è  frequentemente la causa della “sindrome da biberon”, con distruzione delle corone degli incisivi decidui.

Bisogna porre attenzione all’igiene orale fin dalla nascita: alla comparsa del primo dentino dopo ogni pasto è fondamentale l’uso di una garza umida. La rimozione della placca è vitale nella profilassi delle carie, perchè ha un ruolo importantissimo nell’eziologia di questa malattia.

Il fluoro riduce la formazione della placca. I denti appena spuntati non hanno lo smalto completamente formato, di conseguenza presentano un alto rischio di carie, perciò il fluoro è fondamentale per renderli più resistenti.

I bambini dovranno essere aiutati dai genitori, ad avere una buona igiene orale. E’ necessario lavare i denti almeno tre volte al giorno; in un primo momento senza dentifricio per pulire la superficie dei denti dalla placca e solo in un secondo momento aggiungere un pò di dentrificio al fluoro come perfezionamento e completamento dell’igiene. In questa maniera l’azione del fluoro sarà sui denti e non sulla placca.

I sigilli son un altro grande aiuto nella prevenzione in odontoiatria.
Il sigillante è un materiale fluido che viene applicato nei solchi e nelle fessure occlusali dei molari definitivi, permettendo di creare uno strato di protezione nelle zone più predisposte alla carie contrastando l’azione dei batteri

 

  1. PREVENZIONE ORTODONTICA

 

Prevenire è meglio che curare” detto che ben si adatta anche all’ortodonzia. Una prima visita è consigliata fin dall’età di 4-5 anni, anche se i dentini da latte sono belli ed allineati. In assenza di patologia (malattia) la visita potrà divenire un incontro sereno, piacevole, vissuto senza paura da parte del bambino.

Questi controlli permettono di:

  • controllare lo sviluppo dei mascellari, l’eruzione e la posizione dei denti
  • eliminare le abitudini viziate che possano interferire con una crescita armoniosa (suzione dito, uso del succhiotto…)
  • individuare la presenza di una respirazione orale e/o di una deglutizione scorrette ed intervenire precocemente , per evitare che contribuiscano ad uno sviluppo contratto del palato, all’insorgenza di un morso crociato e di un futuro affollamento dentale.

 

Prevenire è meglio che ritrattare”  ed è proprio per questo che dopo un trattamento ortodontico è consigliabile seguire un programma di controlli a distanza per intercettare precocemente possibili recidive o spostamenti  dei denti, sicuramente indesiderati dopo ”tanta fatica”. Se si usano gli occhiali periodicamente si fanno controlli dall’oculista…….così avviene anche per l’ortodontista!

Vi verrà inviata una lettera di richiamo, secondo il piano di scadenze prestabilito e personalizzato.

 

Per il mantenimento della salute e l’integrità del vostro sorriso saranno preparati programmi individuali con controlli periodici durante i quali potranno essere effettuate: pulizie professionale dei denti, test salivari, applicazione di sigillanti…

PROTOCOLLO TERAPEUTICO DELLA MIH (Molar Incisor Hypoplasia)

Secondo le più recenti Linee Guida del Ministero della Salute è consigliata una visita odontoiatrica nei bambini fin dall’età di 3-4 anni.

Fondamentale è la diagnosi precoce e l’identificazione dei soggetti a rischio. Individuare la MIH prima che si verifichi una progressione dei danni, consente di:

procedere con metodiche di remineralizzazione e desensibilizzazione, con trattamenti domiciliari, attraverso prodotti specifici a base di fluoro e/o caseina (tooth mousse) che si sono dimostrati efficaci a questo proposito, limitando o riducendo terapie fastidiose per il piccolo paziente.

intervenire con il trattamento della ipersensibilità e al restauro degli elementi dentali compromessi.

Ancora più importante è la prevenzione

fornendo ai genitori una corretta informazione su questa recente, ma sempre più diffusa, sindrome e sul fatto che denti così ipomineralizzati richiedono un monitoraggio costante nel tempo

effettuando visite periodiche trimestrali di monitoraggio.

Gli obiettivi principali del trattamento sono:

eliminare la sensibilità

prevenire lo sviluppo di carie sui denti colpiti dal difetto

ripristinare le funzioni orali

  1. Fluoroprofilassi e remineralizzazione

Si possono usare gel e vernici al fluoro per ridurre la sensibilità.

Vengono applicati in studio con sedute di fluoroprofilassi

Per favorire una rimineralizzazione dello smalto può essere utilizzata

la tooth mousse, una crema gradevolmente aromatizzata a base di che stabilizza il fosfato di calcio. Usando la mousse non andiamo a modificare il colore e l’aspetto delle macchie già presenti ma salvaguardiamo i denti da future macchie e non facciamo peggiorare le vecchie.

Si tratta di un terapia da eseguire almeno per 6 mesi, che prevede

applicazione professionale in studio invece ogni 2 mesi

applicazione domiciliare da farsi 2 volte al giorno

 

Tooth mousse è particolarmente indicata nei giovani pazienti

particolarmente cariorecettivi

sensibili dopo l’igiene professionale

che  hanno un ambiente orale acido

che  soffrono di erosione dello smalto

 

E’ indicata anche per i bambini che hanno meno di 6 anni di età.

 

Protocollo di utilizzo in casa: si applica circa un centimetro di tooth

si spalma con un dito pulito dietro gli    incisivi inferiori e con la lingua

si stende su tutte le superfici dei denti

va trattenuta il più a lungo possibile (almeno 2 minuti) evitando di espettorare o di deglutire

dopo questo periodo si può deglutire tranquillamente, ma non sciacquarsi né mangiare per almeno 30 minuti.

Dopo l’avvenuta applicazione del prodotto, ci si deve astenere, almeno per la prima ora, dall’ingerire prodotti coloranti, in quanto i tubuli dentinali risultano più aperti. Niente vino, tè, caffè, bevande tipo coca-cola, succo di frutta, salse di pomodoro, fumo, ecc.

Controindicazioni

Essendo la Tooth mousse a base di proteine del latte, l’unica limitazione è rappresentata dai pazienti affetti da allergie alle proteine del latte o agli idrossibenzoati.

Un’alternativa è la MI Paste Plus, un’altra crema che garantisce la mimineralizzazione e la fluorizzazione.

 

  1. Sigillature

E’ utile effettuare delle sedute di sigillatura dei molari, decidui e definitivi, per ridurre l’insorgenza della carie e il rischio di frattura dei denti colpiti.

 

  1. Trattamenti di conservativa dei denti colpiti

Nel caso sia necessario si procede a curare i denti cariati e/o ricostruirli, con composito o coroncine preformate, per mantenere una corretta dimensione verticale di occlusione e lo spazio per i futuri denti permanenti.

CONTATTI

STUDIO DENTISTICO FONTANIN

Via Montello 80
31044 Montebelluna  – TV –

PI 001973410267  

0423 603039

Mail – segreteria@monicafontanin.it
Pec – monica.fontanin.yljv@tv.omceo.it

ORARI

Lun: 09.00-13.00 / 14.00 – 18.00

Mar: 09.00-12.30 / 14.30 – 19.00

Mer: 09.00-12.00 / 14.00 -18.00

Gio: 09.00-12.30 / 14.30 – 19.00

Ven: 09.00-13.00 / 14.00-16.00 (segreteria)

DOVE SIAMO

SEGUICI

fb unnamed

Studio Dentistico Fontanin © 2016 All Rights Reserved | PI 001973410267  | Creato da vrsfoto